monopoly super mario

Super Mario gioca a Monopoly, le nostre impressioni sul gioco da tavola

Avete mai notato la somiglianza che c’è tra l’omino del Monopoli e Super Mario? Entrambi non troppo lati, baffuti… In realtà noi non ci abbiamo mai fatto caso ma evidentemente qualcuno tra Nintendo ed Hasbro deve averci fatto caso visto hanno deciso di creare ben due titoli di Monopoly a tema Super Mario. Quello che potete vedere oggi, in occasione del Super Mario Day, è la versione ispirata a Mario Kart. Ci è piaciuto, non ci è piaciuto? Ci sentiamo buoni e vi anticipiamo la risposta: sì, ci è piaciuto. Volete sapere anche il perché? Allora leggete le prossime righe.

Cos’è Monopoly Gamer Mario Kart

Monopoly Gamer Mario Kart, questo il nome completo del gioco, è da un po’ di tempo disponibile presso vari negozi specializzati e non (fumetterie, Gamestop, negozi di giocattoli) e su Amazon (è vero che potete trovarne una versione che costa di meno ma occhio alla lingua che è interamente in inglese). Noi lo abbiamo acquistato da quest’ultimo e, per una ventina di euro, ci siamo portati a casa un gioco tanto insolito quanto rapido e divertente.

La confezione è abbastanza larga e piuttosto resistente, non troppo più ingombrante di un qualsiasi altro gioco da tavolo. Al suo interno potete trovare quattro pedine con i personaggi di Mario Kart a bordo dei loro bolidi (Mario, Luigi, Peach, Toad), un tabellone di gioco, varie carte con le abilità, un dado numerico ed uno speciale con i simboli tipici della serie (fulmine, guscio di tartaruga, banana), poi delle valute di gioco (monetine del valore di 1 e 5), qualche token particolare e le istruzioni.

Visto anche il prezzo non ci si può aspettare un prodotto per collezionisti ed infatti si è puntato non poco al risparmio. Le miniature di Mario Kart sono carine da vedere purché a debita distanza: viste troppo da vicino si possono vedere un po’ di difetti di costruzione e verniciatura tipica dei prodotti più low cost. A livello di gioco sono comunque piuttosto funzionali benché sia difficile piazzarne quattro, che sarebbe il numero massimo di giocatori, su una sola casella.

Altra nota dolente del Monopoly di Super Mario sono le monetine. Sono tutte in cartoncino, dovreste estrarle voi stessi “spingendo” ogni singola moneta via da un pezzo di cartone più grande (avete presente il cartoncino tratteggiato? Ecco.). Non ci hanno entusiasmate granché, anche perché il cartoncino non è di chissà che qualità. Purtroppo questo è un problema che affligge anche l’altro gioco, Monopoly Gamer, che però almeno gode di un’edizione per collezionisti (che costa il doppio del normale, attenzione) che include delle monetine in plastica. Dal punto di vista ludico questi “difetti” non significano nulla, chiariamoci, ma avremmo preferito un po’ di attenzione in più. Anche il manuale non possiamo dire che si sprechi più di tanto in quanto è un piccolo depliant di un paio di pagine. Certo, le regole da imparare sono poche e quindi da scrivere non c’era poi chissà quanto.

Le regole del Monopoly di Super Mario

Venendo al gioco vero e proprio, del Monopoly ha quasi solo il nome. Potrete sempre acquistare delle proprietà (i nomi traggono ispirazione dal mondo di Mario Kart e per ogni colore di territorio ora ci sono solo due proprietà disponibili e non 3 come nel Monopoli classico) e scambiarle tra voi ma non ci potrete costruire su nulla. Così come non avrete più la centrale dell’acqua, della luce e le 4 stazioni ferroviarie. Restano la prigione ed il Via.

Al posto di quelle caselle mancanti troverete delle caselle turbo (che vi consentono di tirare di nuovo il dado numerico e quindi muovervi ancora) o delle caselle stella con le quali attivare la vostra Super Abilità che, mediamente, consiste nel raccoglie altre monetine, spostarsi di altri spazi, lanciare delle bucce di banane aggiuntive. Sì, avete letto bene.

Essenzialmente il gioco si svolgerà così: darete delle monetine ad ogni giocatore e potrete riceverne altre passando dal via o tramite eventi speciali. Ad ogni turno lancerete il dado del movimento e quello del power up. Tramite il dado del power up avrete la possibilità di raccogliere altre monete, di lanciare questa famigerata buccia di banana che servirà a far stoppare la corsa di un avversario su una casella di vostra scelta, o dei gusci che faranno perdere delle monetine, sulla casella dove si trova l’avversario, ad un altro giocatore. Se avrete la fortuna di passare o fermarvi su questa casella durante uno dei vostri giri allora raccoglierete quelle monetine e le farete vostre. Finendo su un territorio potrete decidere se acquistarlo (in modo tale che quando ci andranno sopra gli avversari vi pagheranno gli affitti dovuti) o metterlo all’asta. Ogni volta che finirete un giro, e quindi passerete regolarmente dal Via, oltre a raccogliere qualche monetina extra avrete la possibilità di iniziare un Gran Premio, cioè la vera rivoluzione di questo gioco.

Il Gran Premio e la corsa finale nel Monopoly di Super Mario

Il Gran Premio consiste nel prendere una carta del medesimo nome e pagare una certa quantità di monetine (poche in realtà) per parteciparvi. A seconda del vostro piazzamento (che raggiungerete in base a chi tira il numero più alto) avrete modo di aggiudicarvi uno dei tre premi.

Sia questo sottrarre una proprietà ad un vostro avversario che guadagnare un power up o delle monetine. Finiti tutti i Gran Premi si accede alla Corsa Finale. Quando sarà finita questa corsa, l’unica che vede come vincitore solamente chi si piazza al primo posto, si passerà al conteggio dei punti. Una partita, in media, durerà quindi tra i 30 ed i 45 minuti. Se sarete in 4 aspettatevi la durata più breve. Questa è sicuramente la differenza più grande, e piacevole, di questa versione.

Ricordiamo che il Monopoli normale può durare anche svariate ore fino ad arrivare ad un vero e proprio stallo dove nessuno vorrà scambiare nulla e finirete con il passarvi soldi di continuo fino a ribaltare il tavolo dalla noia. In Monopoly Gamer Mario Kart avrete invece uno scopo e, detta sinceramente, non si sente neppure il bisogno di doversi scambiare le proprietà. Certo, potranno capitarvi dei turni sfortunati dove finirete in prigione e quindi ritarderete un minimo l’inizio del nuovo Gran Premio ma parliamo veramente di un paio di minuti. Onestamente ci siamo divertiti sia con adulti che con bambini e le partite ci sono sembrate piacevoli. Tenete inoltre conto che, grazie alle varie dinamiche dei Gran Premi, l’esito potrebbe ribaltarsi in qualunque momento in modi che solo Alessandro Borghese conosce.

E’ capitato, infatti, che dopo una buona metà partita passata al secondo posto (e neanche per pochi punti) si sia ribaltato tutto potendo uscire vincitori. E’ questione di fortuna, principalmente, ma starà anche a voi scegliere sapientemente le carte migliori da sottrarre all’avversario (e a quale) per capitalizzare il miglior punteggio.

Concludiamo dicendovi che ognuno dei 4 personaggi inclusi ha delle sue abilità peculiari che possono rendere la vostra partita leggermente diversa dalla precedente e che potete trovare altre pedine (sei in tutto: Bowser, Yoshi, Rosalinda, Donkey Kong, Tipo Timido e Metal Mario) che avranno abilità ancora diverse per aumentare il divertimento. La nota dolente di questi personaggi aggiuntivi, detti Power Pack, è il costo. Se siete fortunati avrete modo di reperire qualche fondo di magazzino a pochi spiccioli (magari 2 o 3 euro a personaggio). In caso contrario il costo medio si aggira sui 5-6 euro a personaggio, fino ad arrivare a circa 10.

Spendere 30 euro per questi personaggi aggiuntivi, vale a dire più del costo di tutto il gioco, è probabilmente un po’ troppo. In quel caso consigliamo l’acquisto solo dei vostri beniamini. Una cosa di cui non siamo ancora certi, comunque, è se anche questi Power Pack godono della localizzazione in lingua italiana o meno. Ne abbiamo trovati alcuni con ben otto lingue ma senza italiano tra queste. Magari vi faremo sapere appena avremo informazioni più precise ma tenete comunque conto che per ogni personaggio dovrete tradurre solamente due frasi se anche non fossero in italiano. Davvero una dozzina di parole, quindi volendo una soluzione creativa si può sempre trovare (se avete problemi possiamo anche aiutarvi nella traduzione delle stesse).

Che dire, visto e considerato che siamo in un periodo in cui tapparsi in casa sembra essere il miglior modo di passare il tempo allora ci sentiamo di dirvi che il Monopoly di Super Mario è sicuramente un ottimo acquisto. Buon divertimento!