You are here
Home > anime > La tartaruga rossa, Oceania e tutti i candidati agli Oscar 2017 (a farne le spese Your Name)

La tartaruga rossa, Oceania e tutti i candidati agli Oscar 2017 (a farne le spese Your Name)

Era difficile che uno dei film campione d’incassi di questa stagione non arrivasse a concorrere per l’Oscar eppure è accaduto. Your Name, ancora disponibile nei cinema italiani per oggi e domani grazie a Nexo Digital e Dynit (senza dimenticare che è possibile acquistare il romanzo edito da J-Pop scritto dallo stesso Shinkai), ha totalizzato in Giappone qualcosa come 20 milioni di spettatori ed è quindi divenuto il quarto film campione di incassi in patria, superato solo da Frozen, Titanic e dall’immortale “La Città Incantata” (quest’ultima superata fuori dal Paese del Sol Levante).

Proprio quest’ultimo titolo del maestro Miyazaki, nel 2003, fruttò un meritatissimo Oscar come Miglior Film D’Animazione ma evidentemente tutto ciò non è bastato per la rigida selezione delle nomination dell’Academy.

La nomination per “La Tartaruga Rossa”

A spuntarla, invece, è stato The Red Turtle diretto dal regista olandese Michaël Dudok De Wit. Una delle peculiarità di questo progetto di animazione durato ben 10 anni sta nell’aver coinvolto tre diverse società tra cui lo Studio Ghibli che era rimasta affascinata da un precedente lavoro del regista vincitore di un oscar nel 2001, il cortometraggio “Padre e Figlia”, arrivando a proporre una co-produzione.
La nomination non è proprio una sorpresa, visto che era già stato nominato nella sezione Un Certain Regard all’ultimo Festival di Cannes e non può che farci piacere rendendo sempre più sincero il pensiero che tutto ciò che tocca lo Studio Ghibli abbia la tendenza a diventare oro. La Tartaruga Rossa, questa la traduzione italiana, racconta di un naufragio su un’isola deserta, di un uomo che cerca disperatamente di fuggire, fino a quando una misteriosa tartaruga cambierà la sua vita. Sarà portato in Italia, a partire dal 30 Marzo 2017, dalla BiM Distribuzione che non dovrà sforzarsi più di tanto per il doppiaggio: sappiate che non ci sono dialoghi in questo lungometraggio ma solo musica e suoni della natura. Non si può negare che sia un progetto assolutamente originale. I più fortunati sono già riusciti a gustarselo grazie alle pregevoli iniziative portate avanti lo scorso anno sia al Lucca Comics and Games che al Festival del Cinema di Roma.

Gli altri film nominati nella categoria “Miglio Film D’animazione”

Tra i rivali della Tartaruga Rossa, parlando della premiazione, ci saranno Oceania (Moana, in originale) della Disney, il pluripremiato ZootopiaLa mia vita da Zucchina (una produzione totalmente europea divisa tra Francia e Svizzera e proposta proprio da quest’ultima per concorrere nella categoria dedicata ai migliori film stranieri) e per finire un titolo è realizzato in Stop-Motion dagli autori del capolavoro Coraline e la Porta Magica: stiamo parlando di “Kubo e la spada magica“.

Quest’ultimo è comunque un titolo interessante anche per il mondo degli otaku in quanto, pur essendo una produzione statunitense, è ambientato nell’antico Giappone. Kubo è un ragazzo orfano di padre, nonché orbo da un occhio, che oltre a fare il cantastorie si prende cura della madre fino a quando non fa la sua comparsa uno spirito del passato piuttosto vendicativo che vuole portargli via anche l’altro occhio. Per Kubo è arrivato il momento di crescere e maturare grazie all’avventura per cui partirà dovendo ritrovare un elmo, un’armatura ed una spada dagli immensi poteri (beni che appartenevano al suo defunto padre che era un famoso samurai) in compagnia di uno scarafaggio gigante e una scimmia. E sarà grazie a tutto ciò che Kubo… No, aspettate. Se vi diciamo tutto poi chi comprerà il DVD e il Bluray in uscita dall’8 Marzo?

Allora, che ve ne sembra di queste nomination? Siete rimasti delusi o è proprio quello che vi aspettavate? Ma, soprattutto, per chi fate il tifo? Ecco un’immagine ufficiale di recap per chi avesse bisogno di tempo per decidere!

A noi è inutile chiederlo: Ganbare Nihon!

Ciro E. Montano

Irriverente quanto un sermone, imprevedibile come un temporale a Londra, simpatico come… Beh, decidete voi. Nasce una trentina di anni fa, coccolato nel tempo da videogames, anime e fumetti per i quali non ha mai perso la passione. Se avete fortuna potreste ritrovarvelo online in qualche match di Street Fighter. Se siete sfortunati potreste ritrovarvelo addirittura in qualche fiera intento a voler assaggiare il vostro cibo! Il suo motto? Toppu wo nerae!

Lascia un commento

Top